Articoli

Premio Nazionale RADICI

Venerdi 10 maggio, in una splendida cornice di pubblico, in una bella serata con affabili e qualificati commensali, il nostro Gruppo ha ricevuto, per il tema: tradizione, il Premio Nazionale RADICI * nella sua prima edizione:

“come riconoscimento del valido contributo dato per aver trasmesso la genuina tradizione ciociara della città di Alatri”

Ovviamente, la soddisfazione del nostro sodalizio è massima, infatti,  riconosce nel corso degli anni, l’impegno profuso nella nostra città come promotore e collaboratore di numerose attività per la promozione del territorio, oltre ad essere stato protagonista, nella ormai settantennale attività, nei migliori festival nazionali ed internazionali del foklore,  rappresentando degnamente le tradizioni popolari di Alatri, della Ciociaria e Nazionali.

La serata è stata introdotta dai saluti istituzionali del vice sindaco Fabio Di Fabio in rappresentanza del Comune di Alatri e dal Prof. Biagio Cacciola, Responsabile dell’Uffico Cultura della Provincia di Frosinone, in rappresentanza dell’Amministrazione Provinciale.

Gli altri destinatari del premio sono stati  il Prof. Giovanni Sessa per il tema: identità ed il Dr. Federico Iadicicco per il tema: famiglia.
L’incontro ha avuto anche finalità sociali, in quanto parte del ricavato della serata è stato donato alla Steadfast Onlus nella persona del Presidente Emmanuele Di Leo,  per il sostegno ai bambini affetti da gravi patologie con vari progetti in Italia e all’estero, soprattutto in Nigeria.

*RADICI  Associazione presente nel nostro territorio con finalità culturali a livello Nazionale, con i principi ispiratori di  Identità, Tradizione, Famiglia

‘Na storia passata

Come non ricordare Sor Flavio, il giorno della ricorrenza, con questa bellissima poesia dedicatagli dall’amica Marilena Lepori! 

‘Sta piazza stasera mê sémbra ‘ncantàta,
nê wò fa rêwiwê ‘na storia passata.

Èra da pócô finita la guèra:
cràlêmê amarê piagnéwa ‘sta tèra…

‘Nô alatrésê pêrò, ‘nê sê attèra ‘mmai:
sà sèmprê rêsórgi da tutti gli guai!

Scórta la famê, chélla più nera,
ariwà pê tutti la wita wéra…

I fu própria allóra, carô “sòr Flà”,
chê ‘sta cumpagnìa wulìsti crià.

Cu ‘mmani ‘nô òrghini pê ‘ncumênzà,
purê gli ciunchi facìsti ballà!

…Pandòra purtawa ‘nô fiascô dê winô,
cantènnê biweva, cu Scórcia i Peppinô…

…i déntrô ai canìstrô dê zia Sistinèlla
sèmprê ci stawa ‘na crustatèlla!

Pê tuttô gli munnô nê purtasti a ballà,
i pê fa cunósci ‘sta cara città,
purê déntrô a ‘nô film la wulisti ‘nfilà!

Mó tu, sòr Flà, nê stai a guardà:
i da chéllê stéllê wularisti calà…

Ma pê nua stai a écco, mésê a ‘sta gèntê,
sóttô a ‘sta luna chê parê d’argèntô.

Èccô sòr Flà, stannê a guardà:
‘nô sardarèllô mó iamô a ballà.

Battamô gli témpô cu gli tamburégli:
spêramô dê fa gli munnô più bégli.

Sarda i rêsarda, gli fiatô sê accórcia:
a tutti quanti gli mussô sê aróscia…

“Vola la spòla”, pê siguità…
…i méntrê sê canta, nê sê pò a tì nê pênsà!

È chésta l’artê chê nê si ‘mparatô:
grazzi “sòr Flà”, padrê nóstrô aduratô.

Gli munnô cammina, nê sê pò furmà:
mó attòcca a nua l’opêra téa siguità.

Tutta Alatri stasera tê wó rêcurdà:
i tu, da ésci ‘ncima, stalla semprê a guardà!

 

Al mio maestro  – Marilena Lepori

La responsabilità di una tradizione centenaria

C’ho sulle spalle la responsabilità di una tradizione centenaria: me sento responsabile a mette ‘ste ciocie e ‘sto bustino, a appontà la mantilla co’ gli spilloni che, pure se non lo dico, la ciocca un po’ me la bucano;  n’è ‘na responsabilità che m’ pesa però, è ‘na cosa leggera.
È ‘na cosa che poi quando vado camminenn’ tutta ‘mpettita pe’ ‘ste stecche che porto in vita mi rende proprio fiera.
È ‘na cosa che quando passo ‘ncima a Civita vestita ass’sì, me fa sentì aggrappata a ‘sta terra mia che offre poco, ma che m’ha cresciuto.
È ‘na cosa che m’ fa pensà a nonnema, alla madre d’ nonnema, alla nonna d’ nonnema, perché loro, “a toll’ l’acqua alla Funtana Abbàll'”, ci ievan’ veramente!
E mi fa sentì ‘n’eletta perché io sto a continuà qualcosa.
Sto a continuà ‘na tradizione, sto a nutrì le radici delle mie origini, sto a permette a ‘sta pianta de continuà a cresce.
Non la sò trascurata, perché è ‘na specie de sigillo che tengo nel sangue.
È na responsabilità che mi fa riempì il cuore d’orgoglio, di voglia di fa, di scoprì.
Che mi fa rimanè a guardà le mura in contemplazione tutte le volte.
Che mi fa difende a spada tratta ‘sta città, che mi fa piange il cuore quando penso che forse, un domani, la devo salutà.
È ‘n impegno l’attenzione alla propria storia, ma è ‘n impegno che porto avanti co’ fierezza come non ho mai fatto co’ altro in vita mia.

 

Beatrice Bottini