Ricordi di uno del gruppo

Amarcord… si, ci piace ricordare e far ricordare momenti passati della attività del nostro Gruppo. Dopo il racconto di Alberto Minnucci, ci onoriamo di ricordare un’altra “grossa” figura della nostra città, Giuseppe Fiorletta, amichevolmente per tutti noi “Peppinuccio” …e lo facciamo con un suo scritto:

E’ difficile ricordare quei momenti.Quando provi a farlo ti si addensano nella mente centinaia di episodi. E’ una folla di sensazioni che vorresti affidare alla macchina da scrivere per scegliere quelle più significative, più originali. Ma non ti riesce. Sono avvolte in una nebbiolina tutta rosa. E’ un velario troppo prezioso e ti vien voglia di tenerlo sempre così: a guardia dell’età più bella. A proteggere ricordi che hanno costellato quegli anni rendendoli spensierati e nel-lo stesso tempo utili ad una cultura personale.Ti lasci andare. Accendi una sigarettae pensi. . . Pensi alle ciocie, alle strenghe,ai calzettoni. Pensi a quei volti di ragazzi stranieri amanti di amicizie sincere. Si staglia dall’orizzonte di allora la figura caratteristica di una città, il tran tran di treni internazionali pian piano torna a farsi udire. Eccoci, tutti assieme. Le donne in uno scompartimento e gli uomini nell’altro accanto. Fuori vigila Flavio che fa finta di gustarsi i paesaggi che corrono via. La partita a carte. Una canzonetta in coro. La voglia di bere qualcosa che non siha. Qualcuno ha scovato un thermos di caffé. Un po’ di manovre e il liquido nero cambia contenitore; quello di prima va a finire sotto le ruote del treno. E si giunge a Parigi. Nestore ha scommesso che ci farà passare una bella giornata. Proprio lui, che a Torino aveva vinto un’altra scommessa tracannando d’un fiato una bottiglia di Barbera. Parigi-Le Mans. Sempre in piedi a far la corte alle ragazze di Cosenza … un timido sorriso, un approccio, un ciao schietto che promette bene. Poi gli aperitivi francesi. La sfilata. Le battute di mano. Il nome di Alatri che viene letto con interesse da tutti coloro che hanno avuto dalle mani di Pinuccio il depliant.  Ma le immagini sbiadiscono. Avanzano nella mente quelle di «Italia ’61›› a Torino.
Quelle di Lecco, di Susa, di Milano. Il volto di Maria Teresa si confonde con quello di Cyllj la lussemburghese.  Poi con quello di Sabrina di Monaco. Altri volti. Un albergo dove la notte si gioca ai fantasmi tra l’ilarità generale. Ed ecco un altro villaggio francese.
Una ragazza che piange disperata. .. un amore che sboccia e un altro che si incrina.
Ed ancora in Italia: Roma, Ragusa, Catania, Montefiascone…  Renzo deve partire. E’il destino che tocca ad ognuno di noi. Ma per Renzo si piange. Scorcia lo abbraccia. Tutti cercano di scherzare gioiosamente come quando si era in piena manifestazione dove bisognava tenere alto il nome dell’ Italia e di Alatri in particolare. Uno scherzo gioioso a parole,  mentre dentro, profondamente dentro, tutti sentono che qualcosa si è staccato ed è rimasto lontano …  tutti gioiscono veramente, anche intimamente per la sistemazione trovata, come per la riuscita esibizione sottolineata da fragorosi applausi.

Questo è stato il Gruppo Folcloristico per me.

di GIUSEPPE FIORLETTA

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *